Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK


Sezioni

Safari in Sudafrica in Overland

Kruger National Park, le origini dell'uomo

 

Un safari in Sudafrica è certamente un'esperienza unica che può assumere molte forme, tanti quanti sono gli animali ed i parchi che attendono il viaggiatore.
Il Kruger National Park è il grande riferimento per i safari, qui vivono tutti i grandi animali dell'Africa! Il parco di Hluhluwe-Imfolozi abbina invece splendidi paesaggi ed una fauna inattesa, si trova nel cuore dello Zululand, dove ancora regna la cultura zulu.
I safari dei Big Five in Sudafrica sono un vero must per gli appassionati. Bufalo, elefante, leone, leopardo e rinoceronte erano considerati gli animali più pericolosi da cacciare.
Crossland Etnia Travel Concept ti offre il brivido e l'emozione di fotografare questi splendidi animali nel loro habitat naturale.

 

Stagionalità, quando andare
L'estate sudafricana (da dicembre a febbraio) vede il paese al massimo del rigoglio, ma è meno facile scovare la fauna selvatica. Trovandosi tra il Tropico del Capricorno e l'Antartide il clima del Sudafrica è notevolmente diversificato in rapporto sia alla notevole estensione territoriale, sia alle caratteristiche orografiche, sia all'esposizione al mare ed ai profili costieri.
Il clima mediterraneo caratterizza la parte meridionale del territorio, dove le temperature sono miti. Non fa mai molto freddo in inverno e neppure molto caldo in estate, eccetto nelle regioni centrali o nordoccidentali, dove le temperature possono raggiungere livelli molto alti.
In particolare il Kwa Zulu-Natal gode di un clima caldo umido, che fa di questa provincia l'area più favorevole alla coltivazione di colture tropicali. Le escursioni termiche, sensibili sugli altopiani, sono alquanto contenute sulle coste.
Per osservare la fauna selvatica l'inverno (da giugno a settembre) è la stagione ideale poiché molti alberi sono privi di foglie e pertanto gli avvistamenti sono agevolati e la scarsità di cibo e acqua spinge gli animali a uscire allo scoperto.